Dir.san. Eriberta Ros Aut.San. n°6 del 22-11-2010.
sindrome brachicefalica
La sindrome brachicefalica nei cani
novembre 30, 2016
processionaria del pino
Le processionarie del pino: un pericolo per i nostri cani.
marzo 20, 2017
Show all

Cani e gatti: gli alimenti da evitare (durante le feste e non)

cibi da evitare cani e gatti

Quali cibi non dobbiamo dare ai cani e ai gatti?

In questi giorni di festa cerchiamo di nutrire i nostri amici a quattro zampe (cani, gatti, ma anche roditori e uccelli..) come sempre, senza aggiungere nessuna goloseria dalla nostra tavola.

Una alimentazione corretta è fondamentale per mantenere in salute i nostri animali: evitiamo di cadere nell’errore, magari durante le cene e pranzi delle feste, di dar da mangiare cibi assolutamente inadatti che possono danneggiare la salute o, in certi casi, provocare anche la morte (come la cioccolata, ad esempio!).

Vi ricordiamo gli alimenti assolutamente da evitare:

  • ZUCCHERO, DOLCIUMI E GELATO: possono causare vomito e diarrea, possono causare la pancreatite e predisporre il nostro animale a malattie metaboliche come ad esempio il diabete!;

  • CIPOLLE,AGLIO E PORRI: possono causare vomito, diarrea e sono una causa di anemia, ovvero riduzione dei globuli rossi nel sangue;

  • UVA E UVA PASSA: possono causare danni ai reni;

  • NOCI E NODI DI MACADAMIA: possono causare vomito, depressione, tremori e febbre alta;

  • CIOCCOLATO: Può causare vomito e diarrea, eccessiva urinazione, ipereccitazione, aritmie cardiache , tremori fino alle crisi convulsive e la morte. È molto più tossico il cioccolato fondente! Quindi non lasciate mai cioccolatini alla portata dei vostri cani o gatti;

  • LIEVITO: può fermentare e dare dilatazione gastrica;

  • COCCO: può causare vomito e diarrea;

  • SALE, SNACK SALATI O CIBI SOTTO SALE (alici sotto sale): un’intossicazione da sale può provocare crisi convulsive e morte;

  • OSSA: le ossa possono rimanere incastrate nell’esofago e creare gravi danni;

  • AVOCADO: è tossico per gli amici volatili e può provocarne la morte;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *