Dir.san. Eriberta Ros Aut.San. n°6 del 22-11-2010.
cibi da evitare cani e gatti
Cani e gatti: gli alimenti da evitare (durante le feste e non)
dicembre 22, 2016
Show all

La sindrome brachicefalica nei cani

sindrome brachicefalica

La sindrome brachicefalica è determinata una ostruzione anatomica delle vie aree superiori, condizione tipica in alcune razze di cani.

Esistono centinaia di razze di cani che si differenziano tra di loro per le proporzioni del loro corpo, della testa, per il mantello e per il carattere; ogni cane a modo suo è unico e insostituibile. Non esiste il cane “perfetto”, anche se tutti discendono dal lupo, che in seguito alla selezione operata dalla natura e dall’uomo in centinaia di anni, ha creato l’enorme eterogeneità di razze come le conosciamo oggi.

sindrome brachicefalicaIn alcune razze la selezione ha portato ad un appiattimento, allargamento e accorciamento globale del muso.

Questa caratteristica è tipica delle razze brachicefaliche (Carlino, Bouledogue Francese, Bulldog inglese, Boston Terrier, Pechinese), e determina una ostruzione anatomica delle vie aeree superiori che può diventare una condizione patologica definita come sindrome brachicefalica.

Il compito del veterinario è di evidenziare, diagnosticare e stadiare la sindrome brachicefalica a scopo terapeutico e prognostico.

I soggetti con questa sindrome presentano un aumento delle resistenze delle vie aeree a causa del diametro ridotto delle narici e dell’aumento delle dimensioni del palato molle. Alcuni animali presentano una ipoplasia congenita della trachea, ovvero una trachea più piccola del normale. La sindrome brachicefalica si può rilevare in cani di ogni età anche se la sintomatologia di solito diventa eclatante dopo i 3-4 anni.

I sintomi della sindrome brachicefalica

I segni clinici più frequenti comprendono:

  • Respiro rumoroso;

  • Russamento grave;

  • Tosse;

  • Intolleranza all’esercizio fisico;

  • Respirazione frequente e a bocca aperta;

  • Colpo di calore;

  • Sincope (svenimento).

E’ importante ricordare che a causa della loro difficoltà respiratoria anche un semplice aumento della temperatura esterna, un qualsiasi stimolo eccitatorio o il semplice alimentarsi, possono esacerbare la loro sintomatologia. Spesso associati ai problemi respiratori si presentano disturbi di tipo gastrointestinale come rigurgito di saliva sotto stress, vomito frequente, gastrite per ingestione di aria.

La stadiazione della sindrome richiede un esame radiografico del torace e un esame endoscopico delle vie aeree superiori, che comprenda la valutazione del rinofaringe, della laringe, della trachea e dei bronchi principali.

Come curare (se possibile) la sindrome brachicefalica

La terapia della sindrome è essenzialmente di tipo chirurgico e comprende:

  • Correzione del palato molle (stafiloplastica) questa tecnica un tempo veniva eseguita con bisturi e forbici ma oggi, come nella nostra struttura, viene usato il laser che permette una migliore e più veloce guarigione;

  • Rinoplastica per aumentare lo spazio delle narici;

  • Asportazione dei sacculi laringei.

Le altre condizioni dei cani brachicefali come la macroglossia (lingua di grosse dimensioni), il restringimento del rinofaringe e il collasso laringeo sono considerate inoperabili.

Le nuove linee guida consigliano di stadiare e operare i cani dopo gli 8 mesi e correggere immediatamente il palato molle e le narici.

La prospettiva e qualità di vita dei cani brachicefali è legata a diversi fattori: ipoplasia tracheale congenita, collasso laringeo, obesità e stile di vita.

Noi diciamo sempre che il primo soccorso a un cane brachicefalo devo farlo il suo proprietario, in primis conoscendo le problematiche respiratorie del cane, quindi evitando di uscire nelle ore più calde delle giornate estive, i collari a strozzo, il sovrappeso e curando l’alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *